Velodromo

Il velodromo “Ottavio Bottecchia” di Pordenone e stato costruito nel 1925 da imprenditori privati che successivamente, a causa di difficoltà economiche, lo donarono al comune di Pordenone che tuttora ne detiene la proprietà. E’ una struttura che nonostante i suoi ottantacinque anni è ancora in perfetta efficienza e moderna sotto il profilo tecnico, avendo ottenuto anche in anni recenti il collaudo da parte della Federazione Ciclistica Internazionale notoriamente severa in merito.

Sull’anello pordenonese possono aver luogo gare a tutti i livelli dai giovanissimi ai professionisti con possibilità di omologare i risultati. Attualmente il Bottecchia è classificato fra i primi dieci velodromi non coperti al mondo. Dal 2007 accanto allo staff tecnico previsto dai regolamenti federali è operativo un laureato Isef con il compito di sovrintendere agli allenamenti e mantenere i collegamenti con le scuole per iniziative comuni nel contesto dell’accordo di collaborazione fra la Federazione Ciclistica Nazionale e il Ministero della Pubblica Istruzione. Nel 2001 Pordenone ha ospitato una tappa della Coppa del Mondo su pista offrendo uno spettacolo tecnico agonistico di altissimo livello ancora indimenticato.

Dallo stesso anno 2001 hanno luogo ogni anno le seguenti manifestazioni:
• Tre Sere Internazionali
• Giro d’Italia delle Piste
• Campionati Regionali
• Campionati Italiani Giovanili ed assoluti(quando assegnati dalla Federazione Nazionale)
• Master Regionale in sette gare
• Scuola di ciclismo abbinata ai Punti Verdi Giovanili
• Due sere dei Giovanissimi solitamente a conclusionedell’annata agonisticaIl velodromo ha un anello che misura quattrocento metried una capienza di pubblico di oltre duemila spettatori.

I commenti sono chiusi.